30 milioni di euro di multa per ogni blog grazie al Diritto di Rettifica

30 milioni di euro di multa per ogni blog grazie al Diritto di Rettifica

 
 
 

Oggi alla Camera si discutera’ il DDLIntercettazioni. Con il Comma 29 dentro. Se non verra’ stralciato, sara’ un piede di porco del sistema che potra’ scardinare a suo piacimento l’informazione libera e indipendente. Non ci credete?Facciamo qualche esempio. Se il Comma 29 diventera’ legge, chiunque sara’ autorizzato a inviare richieste di rettifica via email da pubblicare, senza commento, entro 48 ore. Pena 12500 € di multa. Quarantotto ore possono essere sufficienti per una redazione che lavora full time, ma possono essere un battito d’ali di farfalla per un blogger. Basta ammalarsi e non accendere il computer per due o tre giorni.

Basta avere la casella di posta elettronica piena. Basta andare in ospedale per stare vicino a tua moglie che sta partorendo. Basta avere il computer rotto. Basta avere la adsl guasta. Basta andare in vacanza. Basta il gatto che sta male, tuo nonno che ha bisogno di essere portato a fare due giorni di esami clinici, tuo figlio che inizia la scuola e devi comprargli i quaderni. Basta la cantina da svuotare, un lavoro da fare, un viaggio da preparare… Basta essere depressi un paio di giorni e non avere voglia di far niente. Insomma, basta la vita quotidiana di un qualsiasi comune mortale, in tutta la sua ordinarieta’, per essere multati con 12500 euro e chiudere baracca e burattini, pagandone le conseguenze per anni.

Ma c’e’ un modo anche peggiore per condannare perfino i blogger piu’ irriducibili alla chiusura forzata. Se ti sacrifichi, garantendo la tua disponibilita’ 24 ore al giorno (pur senza alcuno stipendio a giustificare un simile impegno), probabilmente puoi fronteggiare una richiesta di rettifica qua e la’, vero.

Ma fate attenzione:questo blog ha pubblicato fino ad oggi mille sessantanove post. Di questi, in 391 articoli si parlava di Berlusconi, 109 menzionavano la Rai, 88 il Pdl, 86 Emilio Fede, 77 Mediaset, 71 la polizia, 67 Di Pietro, 64 Fini, in 58 articoli a testa si parlava di mafia, di Chiesa e del ministro Romani, 50 post menzionavano Angelino Alfano, 49 la Lega Nord, 44 il ministro Maroni e 44 Vittorio Feltri, 41 La Russa e altri 41 la Endemol, 40 Licio Gelli, 38 Guido Bertolaso, 37 Marcello Dell’Utri e 37 il Pd, 35 Niccolo’ Ghedini, 34 il Papa, altrettanti Umberto Bossi e Romano Prodi, 33 Giorgio Napolitano, 30 Augusto Minzolini e altri 30 Maurizio Belpietro… e cosi via, solo per alcune chiavi di ricerca che mi e’ venuto in mente di verificare.

zensur

Il totale parziale e’ di 2354 (duemilatrecentocinquantaquattro!) possibili richieste di rettifica, a cui ne vanno aggiunte tantissime altre che non ho preso in considerazione. Basta mettersi d’accordo e mandarmele a mazzette di 50 al giorno, al costo di una semplice email, per paralizzare qualsiasi attivita’ del blog e comminare sanzioni per almeno 30 milioni di euro.

E’ per questo che dovete condividere, copiare e incollare questo post sulle vostre bacheche, sui vostri spazi sociali, sui vostri blog, nel corpo delle vostre email, ovunque. Perche’ oltre alla mia liberta’ di tenere un blog, ad essere in gioco c’e’ il vostro diritto a non essere tagliati fuori dal mondo, dove una simile sciocchezza applicata ai blog non esiste.

Dobbiamo ricordare a tutti coloro che ancora non l’hanno capito che il reato di diffamazione esiste gia’ e si applica a chiunque, in rete come fuori dalla rete. Se proprio vogliamo aggiungere una rettifica a un articolo online, basta sedersi intorno a un tavolo e studiare la maniera migliore di usare la tecnologia. Se volutamente ignorano questa possibilita’, significa appunto che sono ignoranti. O, piu’ probabilmente, che sono in malafede.

ciao
30 milioni di euro di multa per ogni blog grazie al Diritto di Rettificaultima modifica: 2011-10-07T08:56:32+02:00da paoloteruzzi
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento