Aprite le porte del Duomo di Milano per Vittorio Arrigoni

VITTORIO.jpg

VEDI IL GRUPPO SU FACEBOOK

Aprite le porte del Duomo di Milano per Vittorio Arrigoni

La tua risposta: Parteciperò · Evento pubblico

domenica 17 aprile alle ore 20.00 20 aprile alle ore 19.30


online



Leggetele tutte le informazioni scritte sotto per favore, è importante! Aprite e leggete tutto, grazie!

Vittorio Arrigoni, non credeva nei confini, nelle barriere, nelle bandiere, credeva che apparteniamo tutti alla stessa famiglia Umana.
Il suo paese, Bulciago, appartiene alla diocesi di Milano, per questo pensiamo che il luogo più competente, simbolo della città e cuore pulsante della spiritualità, sia il Duomo di Milano.

Anche nel rispetto dei cittadini, italiani e non, che vorranno recarsi ad onorare la salma di Vittorio, chiediamo di metterlo a disposizione in quanto più facilmente raggiungibile e più capiente.

Chiediamo a tutti di partecipare all’evento online e invitare i vostri amici a partecipare. Oltre all’adesione online, chi vuole può sollecitare il Vicario Generale della curia di Milano ai seguenti recapiti:

Mons. Carlo Roberto Maria Redaelli
Piazza Fontana, 2
20122 Milano
email: vic_gen@diocesi.milano.it
Tel. 028556245
Fax 028556550

(ricordiamo che i recapiti indicati sono di dominio pubblico)

Ps: Abbiamo avuto contatto con la famiglia, quindi sappiamo che Vittorio avrà un funerale religioso e. visto che la chiesa di Bulciago è piccola. pensano attualmente di fare il funerale nella palestra del paese. Ma noi crediamo che il Duomo sia più adeguato per i motivi spiegati sopra. La famiglia non è contraria al Duomo come ubicazione, ma la modestia che contraddistingue queste persone voi non potete immaginarla (a meno che non li conosciate), non osano chiedere tanto… quindi sta a noi confermare che nessuno più di Vittorio merita questo onore! Simbolico, perché il vero onore è altro, certo, ma comunque dovuto!

Aprite le porte del Duomo di Milano per Vittorio Arrigoniultima modifica: 2011-04-19T16:16:04+02:00da paoloteruzzi
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento