CANTU’ BELLA CIAO! BELLA GENTE IN PIAZZA MENTRE CERTE ISTITUZIONI FLIRTANO COI NEONAZI

Questa sera la Piazza Garibaldi di Cantù è stata riempita da un sacco di bella gente. Almeno un migliaio di persone che ha ribadito la fedeltà ai nostri valori costituzionali: democrazia, rispetto dei diritti di tutti, antirazzismo, no alla xenofobia, all’antisemitismo e al revisionismo che tenta di rivalutare in modo subdolo tesi fasciste e naziste. 

Era importante esserci e Cantù c’è stata!

cantu' bella ciao! bella gente in piazza mentre certe istituzion



















foto di Arci Scuotivento Monza


PS: la lista civica del Sindaco di Cantù Bizzozero si chiama “Lavori in Corso” che tradotto in tedesco fa “Arbeit macht frei”


INTANTO IL FESTIVAL NEONAZISTA BOREAL VA AVANTI.

SE VUOI SAPERNE DI PIU’ ASCOLTA L’INTERVISTA DI RADIO ONDA D’URTO A SAVERIO FERRARI.

Ne esce un quadro molto preoccupante. A Cantù sono riunite una miriade di formazioni europee accomunate da un credo spesso manifestamente neonazista. E a parte lo stucchevole argomentare del sindaco Bizzozero ci sono i silenzi, l’inerzia e la tolleranza e spesso perfino il patrocinio delle nostre amministrazioni. Un percorso di connivenze che parte da lontano. La Regione manda il gonfalone alla commemorazione di Umberto I°. La Provincia di Milano che manda corone al campo dei Repubblichini. Prefetti e questure che tollerano.

Negli ultimi mesi tali gruppi si sono già riuniti a Malnate per celebrare il compleanno di Hitler (!!!!!????). E poi a Cinisello, Bollate, Rogoredo si sono riuniti gli Hammerskin che godono del patrocinio di Podestà e della Provincia di Milano! Podestà che poi professa il suo antifascismo sfilando il 25  Aprile nella Brigata Ebraica.

C’è qualcosa che non va!!!!

 

Ecco ai microfoni di Radio Onda d’Urto Saverio Ferrari, dell’ Osservatorio democratico sulle nuove destre. Ascolta [Download

CANTU’ BELLA CIAO! BELLA GENTE IN PIAZZA MENTRE CERTE ISTITUZIONI FLIRTANO COI NEONAZIultima modifica: 2013-09-14T01:16:00+02:00da paoloteruzzi
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento