diritto alla rete

Un messaggio a tutti i membri di Diritto alla Rete

Salve a tutti di Diritto alla Rete,

come ho scritto più volte, servono azioni audaci per contrastare i continui tentativi di legiferare contro la Rete italiana. Detto, fatto.
Vi segnalo il mio video CANTO DI PROTESTA contro il Decreto Romani, che vi prego di diffondere su Facebook, blog, siti vari, ecc.
Di cosa si tratta?

Io e Claudio Messora stiamo organizzando l’evento mediatico “Mr. President, help Internet in Italy!“. Davanti all’ambasciata americana a Roma, il 20 febbraio nel pomeriggio, 60 audaci utenti della Rete, a piedi nudi, bendati con una fascia nera, a ritmo di tamburi, danzeranno e canteranno “Mr President…”, con uno striscione ben visibile. Gireremo un video (italiano/inglese) e lo diffonderemo su You Tube, per totalizzare il più alto numero di visite in un anno, denunciando l’alleanza tra destra e sinistra, che in due anni ha tentato 8 volte di fare leggi contro la Internet italiana.

Ci rivolgiamo simbolicamente a Barack Obama, il primo presidente afroamericano eletto grazie al contributo della Rete, e soprattutto difensore della libertà d’informazione in Internet, contro ogni forma di censura da parte dei governi (come ha detto Hillary Clinton nei giorni scorsi in un discorso storico su You Tube.

La nostra iniziativa è stata già segnalata dalla tv svizzera, dal blog di Alessandro Gilioli, Marco Travaglio, Beppe Grillo, ed altri. Il 12 febbraio dovrebbe uscire un articolo sull’Espresso, che parla di noi.

Se volete partecipare, scrivetemi una mail su enzo.difrenna@hotmail.it – oppure lasciate un commento con la vostra mail sul mio blog nel post di oggi.
Solo per 60 coraggiosi…

Un caro saluto.
Enzo Di Frenna
amministatore del Network

p.s. la prossima azione audace, giuro, la organizzo in elicottero. Intanto ho creato i Corsari della Rete

Visita Diritto alla Rete al: http://dirittoallarete.ning.com/?xg_source=msg_mes_network

grazie

 

diritto alla reteultima modifica: 2010-02-09T10:28:51+01:00da paoloteruzzi
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento