Il grande busines dei Centri accoglienza – La loro gestione diventa una miniera d’oro

Leggete bene, ma molto bene, i nomi delle associazioni incriminate. E leggete questa inchiesta che parla delle speculazioni e su chi guadagna per l’accoglienza profughi, un vero business per gli italiani.
“Il raggruppamento è guidato da Sisifo, aderente a Legacoop, e ne fanno parte il Consorzio Sol Calatino, Senis Hospes e la Cascina Global Service, potenza economica vicina ai ciellini, la Croce Rossa, il consorzio Casa della Solidarietà e la Pizzarotti spa. Senis Hospes di Senise (Pz) ha come presidente Camillo Aceto, che quando era vicepresidente di Cascina è stato imputato in un processo a Bari sul servizio di pasti delle mense ospedaliere e scolastiche per i reati di falsi e frode nelle forniture pubbliche. Tre anni fa in primo grado il reato è stato prescritto. Casa della Solidarietà è invece legata all’Arciconfraternita del Santissimo Sacramento e di San Trifone e a Domus Caritatis. Il nome di quest’ultima è saltato fuori nella vicenda del cosiddetto “scandalo sui profughi dell’emergenza Nord Africa” messo in luce da un rapporto di Save the children. L’accusa era che i centri per minori non accompagnati venivano riempiti da adulti fatti passare per minorenni al fine di percepire un’indennità quasi doppia dallo Stato”
Il grande busines dei Centri accoglienza La loro gestione diventa una miniera d’oro- leggi tutto qui:

Cooperative, società nate per l’occasione, ma anche colossi industriali del Nord e multinazionali: ecco chi c’è dietro ai Cara, le strutture dove finiscono i migranti in attesa di asilo. Alcune sono vere e proprie bombe a orologeria, ma nessuno sembra farci caso

Il grande busines dei Centri accoglienza – La loro gestione diventa una miniera d’oroultima modifica: 2013-10-25T22:26:00+02:00da paoloteruzzi
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento