Pesticidi nel pane: mense scolastiche a rischio per grano importato

 

 
 

granoColdiretti ricorda: il 45% del pane in Italia è ottenuto da grano proveniente dall’estero, anche da paesi che impiegano pesticidi vietati in Ue.
Un recente sondaggio mostra come il 75% tema danni alla salute e il 55% non voglia assaggiare Ogm. Intanto in tavola finiscono pesticidi di vario genere.
Altroconsumo denuncia la presenza di pane contaminato da tracce di Dichlorvos – pesticida vietato in Europa – in due scuole di Genova, e Coldiretti avanza una spiegazione: circa il 45% del pane in vendita in Italia è ottenuto con grano proveniente da altri Paesi, anche extracomunitari, dove è possibile utilizzare prodotti vietati in Ue, perché potrebbero mettere a rischio la salute.
Proprio per questo la Confederazione Nazionale Coltivatori Diretti ha chiesto alle autorità competenti di estendere le attività di controllo, facendo in modo, al tempo stesso, che l’obbligo di indicare in etichetta la provenienza delle materie prime venga ampliato a tutti gli alimenti, a partire da pane e pasta.

L’esigenza di conoscere la provenienza del prodotto, sottolinea Coldiretti, scaturisce dalla considerazione che nel nostro Paese entra grano proveniente da Paesi extraeuropei nei quali le norme di produzione sono molto meno rigide delle nostre. Il rischio è che arrivi sul mercato – come purtroppo sembra accaduto – una coltivazione trattata con fitofarmaci messi al bando in Europa perché pericolosi, ma utilizzati in altri paesi.

La situazione preoccupa maggiormente se correlata all’inizio dell’anno scolastico 2011 – 2012: secondo i calcoli di Coldiretti saranno almeno 1,5 milioni i bambini che ogni giorno pranzeranno in mensa, dove per fortuna quest’anno è aumentata l’offerta di pasti con cibi di stagione, locali e a chilometri zero.

Una tendenza sollecitata nelle linee guida per la ristorazione scolastica fissate dal Ministero della Salute, documento in cui si invita a considerare «la varietà e la stagionalità dei cibi, utilizzando anche proposte di alimenti tipici della regione di residenza, per insegnare ai bambini il mantenimento delle tradizioni».

ll risultato è che verranno serviti nelle mense scolastiche un milione di prodotti biologici, ma anche menù tipici e locali. L’Italia è l’unico paese al mondo che – precisa la Coldiretti – può contare sulla leadership europea nella produzione biologica e nell’offerta di prodotti tipici con ben 229 denominazioni di origine riconosciute a livello comunitario e 4.606 specialità tradizionali censite in tutte regioni. «Un paniere di specialità che è oggi – conclude l’organizzazione degli agricoltori italiani – più facilmente accessibile grazie alla rete di aziende agricole e di mercati degli agricoltori di Campagna Amica che vendono direttamente il proprio prodotto.

Tratto da AgriBioNotizie del 15/09/2011

Pesticidi nel pane: mense scolastiche a rischio per grano importatoultima modifica: 2011-09-15T09:34:23+02:00da paoloteruzzi
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento