SOVRAFFOLLAMENTO, SEDENTARIETÀ, SCARSA IGIENE: PER I DETENUTI LA SALUTE NON È UN DIRITTO

LA NOTIZIA 
SOVRAFFOLLAMENTO, SEDENTARIETÀ, SCARSA IGIENE: PER I DETENUTI LA SALUTE NON È UN DIRITTO 
 Il carcere è, per la salute, un ambiente a rischio. Lo scrive nero su bianco il Comitato nazionale per la bioetica, che ha presentato nei giorni scorsi il documento “La salute dentro le mura” . Disturbi mentali, nevrotici e di adattamento sono dieci volte più presenti tra i detenuti. La promiscuità aggrava la possibilità di trasmissione di malattie infettive. Sedentarietà e cattiva alimentazione aumentano il rischio di patologie cardiovascolari e diabete. I dati dimostrano che i problemi di salute riguardano il 13 per cento della popolazione carceraria contro il 7 per cento della popolazione generale. La sproporzione aumenta per la dipendenza da droghe (21,5 per cento contro il 2,1), problemi dentali (15,3 per cento contro il 4,5); infezione da Hiv (2,08 per cento contro lo 0,2.). 
A cinque anni dal passaggio della sanità penitenziaria al Servizio sanitario nazionale, sono molti i problemi irrisolti: carente programmazione, differenti livelli di prestazioni tra regioni che inficiano il diritto alla continuità delle cure, carenze nel rapporto con il medico di base o di reparto, inadeguata informazione al paziente e ai parenti, mancato riconoscimento dello stato di incompatibilità con il carcere di soggetti con gravi malattie e invalidità, ritardi nelle urgenze con esiti a volte fatali. L’accesso alle visite specialistiche resta un nodo centrale 
Il Comitato nazionale per la bioetica chiede anche la chiusura dei Cie. “Il diritto alla salute è soggetto a tali limitazioni da rendere dubbio l’uso del termine stesso di diritto”
Continua lettura articolo d’interesse… 
http://www.comune.grosseto.it/phpbb/viewtopic.php?p=30943#30943

 

 

 

……………….

SOVRAFFOLLAMENTO, SEDENTARIETÀ, SCARSA IGIENE: PER I DETENUTI LA SALUTE NON È UN DIRITTOultima modifica: 2013-10-19T08:32:50+02:00da paoloteruzzi
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento