#haiti, ancora al punto zero

Due anni dopo, ancora tutto da fare         Il processo politico è bloccato, la comunità internazionale è assente, il colera sempre presente: due anni dopo il terremoto, il paese non riesce ancora ad alzare la testa. Le Nouvelliste en Haiti – Deux ans après le séisme, tout reste à faire en Haïti     grazie

18/3 nl di nigrizia (africa)

18/03/2011 Cari lettori, vi segnaliamo le notizie più importanti apparse questa settimana su Nigrizia.it. Buona lettura! Libia, il gelo degli assets Comincia a produrre i suoi effetti il congelamento delle partecipazioni finanziarie della Libia nelle grandi società europee. L’accordo era stato raggiunto l’8 marzo scorso dai 27 paesi dell’Unione Europea. Nel frattempo prosegue l’avanzata a est delle truppe fedeli a … Continua a leggere

Le notizie di PeaceReporter

– I nostri articoli – La buona nuova – Dossier – Cessate il fuoco     I nostri articoli Cronache da una rivoluzione I fedelissimi di Mubarak terrorizzano la gente, mentre la paura del futuro diventa angosciante DAL NOSTRO INVIATO: I TRE CERCHI DI PIAZZA TAHRIR Giornalisti, fotografi, internazionali sono controllati da gruppi non meglio identificabili che si spacciano per … Continua a leggere

global voices (in italiano)

Prima di passare agli articoli, vi segnaliamo questo post apparso sul nostro sito-partner Voci Globali: la nostra Gaia Resta scrive dei network che aggregano gli italiani espatriati all’estero. Lo trovate a quest’indirizzo:http://vociglobali.it/lespatrio-in-presa-diretta-grazie-agli italiani-nel-mondo/ Ecco gli articoli di questa settimana: 1. Myanmar: brogli e violenze nelle prime elezioni degli ultimi vent’anni Come previsto, in queste elezioni “libere” il partito sostenuto dalla … Continua a leggere

Newsletter n.107 di Global Voices in italiano

Ai membri di Global Voices in Italiano Stefano Ignone 08 novembre alle ore 11.22 Rispondi • Segnala Un saluto agli 839 iscritti alla newsletter di Global Voices in italiano! Questa settimana ci occupiamo di Indonesia, Haiti, Grecia, Serbia, Myanmar, Russia e Cina. Prima di passare agli articoli, vi segnaliamo un post uscito sul sito del nostro progetto VociGlobali sull’eccidio di … Continua a leggere